Scrivi il tuo articolo

noting bottone scrivi
noting bottone scrivi
noting bottone scrivi
noting bottone scrivi
noting bottone scrivi
noting bottone scrivi

IUS SOLI - COME, QUANDO E PERCHE'

Scritto da Redazione.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti

CONTRIBUTO DI STELLA GARBINO

Quello che sta accadendo in Italia negli ultimi anni ha dell'incredibile. I nostri governanti (ma chi li vuole??) stanno sistematicamente operando contro il sistema Italia: Renzi ha creato le basi per il fallimento dell'economia delle piccole e medie imprese, approvando, durante i suoi orribili 1000 giorni di governo, tutta una serie di obblighi fiscali ravvicinati e controlli strozza-aziende. Non si approvano riforme importanti per il paese, per il debito pubblico, per le imprese ma ci si dedica ad amenità. In ultimo stiamo regalando, se passa lo "Ius Soli", un paese con tradizioni millenarie, ricchezze storiche inestimabili agli ultimi arrivati che hanno tradizioni, culture e formazioni completamente diverse dalle nostre. Ma come è possibile questo autolesionismo politico, questa cecità istituzionale? lo "ius soli" è l'ennesimo atto di suicidio nazionale, perchè "copiare" altri paesi che hanno sbagliato e ne pagano le conseguenze? non dovrebbe bastare nascere in un paese per ottenerne la cittadinanza. Anche i genitori dovrebbero essere nati e cresciuti nel paese in cui poi generano la prole, nel caso di genitori provenienti da paesi stranieri, questi devono avere chiesto e ottenuto la cittadinanza da adulti, dopo anni di permanenza e di civile convivenza. 

COMMENTA E SCRIVI ANCHE TU! - UNA FAVOLA PER PICCINI

Scritto da Redazione.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti

Una nonnina ha inventato questa favola da raccontare ai più piccini prima della nanna, e ci ha chiesto di diffonderla e noi ve la giriamo:
"Mamma, mamma, vieni, corri! c'è una formica!". A chi non è mai capitato di sentire qualcosa di simile? penso in tutte le case prima o poi  ci si imbatte in qualche formichina che va in cerca di cibo; ma le avete viste come sono indaffarate? come vanno e vengono laboriose e instancabili, portando sempre una mollichina, un piccolo insetto, un semino da mettere da parte per integrare la loro dispensa per l'inverno? Un giorno nel villaggio delle formiche Pafadi, i cuccioli, stanchi di giocare, si concentrarono sul lavoro dei grandi ma non capivano a cosa servisse questo continuo andare e venire dei loro genitori. Così un giorno una piccola formichina, di nome Gerì, prese coraggio e si avvicinò alla sua mamma che tornava con un carico pesante e le chiese cosa stesse facendo; La mamma la spinse via dicendole "non vedi chie stiamo lavorando? un giorno capirai!". Passarono i giorni, poi i mesi e piano piano arrivò il freddo inverno. Cadde la neve che coprì tutto e le formiche dovettero rintanarsi nella loro tane dove trovarono tanto cibo, dalle stesse immagazzinato nella bella stagione, che permise loro di passare serenamente il periodo freddo.  Giri, capì allora quanto
fosse importante il lavoro svolto dai grandi durante la primavera e l'estate e pensò " non vedo l'ora di crescere per rendermi utile alla comunità". Da questi piccoli esserini avremmo anche noi da imparare, non vi pare? e allora al lavoro diamoci da fare!

ATTORI ITALIANI

Scritto da Rebecca Pulvirenti.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti

attori

CONTRIBUTO DI ADELE STELLA
Non mi piacciono gli attori italiani, recitano male, inoltre hanno una
pessima voce. E' incredibile come, anche nei film americani, se presenti 
attori italiani, non vengono doppiati ma "recitano" con la loro voce, togliendo
in questo modo lustro ai film.

COMMENTA E SCRIVI - CASO STIVAL

Scritto da Redazione.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti
La madre del piccolo fa le prime ammissioni ma i giudici non credono alla sua versione riparatrice, Ha dichiarato che il bambino si é stretto una fascetta attorno al collo e lei non è riuscita a salvarlo, poi presa dal panico, ha nascosto il corpicino in campagna fingendo un'aggressione. Resta davvero incomprensibile allora come poco dopo abbia ripreso la sua vita normale andando al corso di cucina in tutta tranquillità.

ADOZIONE LOVATO/BOETTCHER

Scritto da Rebecca Pulvirenti.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 1 voti

Martina Lovato e Alexander Boettcher, condannati a 14 anni di reclusione per avere sfregiato con l'acido l'ex compagno di scuola di lei, dopo la nascita del loro figlio Achille, chiedono l'affidamento del piccolo. Il Tribunale dei Minori ha invece aperto la procedura per l'affidamento ad altra famiglia, non certo quella della Lovato, ma ha permesso alla rea confessa di poter vedere il figlio una volta al giorno. Non sarà comunque troppo?

COMMENTA E SCRIVI - SELENA GOMEZ E JUSTIN BIEBER

Scritto da Redazione.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti

Tra i due, ormai ex, ma che ancora si frequentano si è da poco insinuata la terza incomoda, Kourtney Kardashian, molto più grande del Bieber, che ha fatto scatenare la gelosia dell' attrice e cantante che ha criticato l'anomala frequentazione. Lui si è difeso dicendo che è uscito con la Kardashian solo per farsi pubblicità. Sarà vero? 

TROPPO GOSSIP

Scritto da Rebecca Pulvirenti.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti

Intervento di Stella Garbino

i Telegiornali delle reti più seguite danno a mio avviso troppo spazio
ai servizi di cronaca e di gossip a scapito della politica nazionale ed
internazionale, dell'economia e dei problemi globali.
Quando questi ultimi vengono affrontati i giornalisti non sono capaci di
trasmettere con chiarezza nessuna informazione, perchè danno
troppi dati per scontati, o perché non riescono a semplificare
argomenti che forse anche per loro sono avvolti nella nebbia.
Ma forse è tutto calcolato: dare spazio alla cronaca spinge il pubblico ad
accontentarsi di quello che ha e di seguire le regole con maggiore
osservanza e meno proteste.

Commenta e scrivi - Caso Cucchi

Scritto da Redazione.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti

A far parlare del ragazzo, presunto spacciatore, massacrato di botte nel 2009, ci ha pensato la sorella, Ilaria Cucchi, tenacemente alla ricerca dei responsabili dell'atroce aggressione, la quale ha pubblicato sul web  le foto di un carabiniere che, secondo gli inquirenti,  ha partecipato al pestaggio dell'inerme fratello. Al di là della violazione della privacy del militare, a cui la Cucchi è incappata postando lo scatto, appare dalla foto estremamente sproporzionata la potenza fisica del carabiniere, ben dotato di muscoli, rispetto a quella del Cucchi. In questo modo Ilaria ha voluto dimostrare quanto devastante è stata la violenza a cui il fratello esile e magro è stato sottoposto.

CASO CUCCHI

Scritto da Redazione.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti
Altri quattro militari indagati per la morte del giovane, avvenuta nel 2009 per percosse subite durante un periodo di detenzione per droga.
I militari gli avrebbero procurato lesioni gravissime, visibili e riconoscibili dalle ultime diapositive del corpo del ragazzo mostrate più e più volte dalla famiglia di Cucchi che non ha mai smesso di lottare perchè venisse fatta chiarezza e giustizia sulla morte del familiare.

REYHANEH JABBARI

Scritto da Rebecca Pulvirenti.

Valutazione attuale dell'articolo:  / 0 voti

REYHANEH JABBARI

CONTRIBUTO DI LANA WEBER

Reyhaneh Jabbari è nata in Iran, a Teheran il 6/11/1987 e giustiziata per impiccagione  il 25/10/2014 nel suo paese per avere ucciso il suo assalitore, un uomo che voleva stuprarla. Non legittima difesa per lei, bensi la somma punizione, la morte. Arrestata nel 2007 è stata giustiziata dopo anni di carcere malgrado le proteste dell'opinione pubblica internazionale e quelle di Amnesty International. Poteva salvarsi la vita ritrattando, scaricando la colpa su altri, ma non ha voluto, ha preferito lasciare questo mondo con la coscienza a posto. Il suo messaggio non deve perire con lei, deve rinvigorire gli animi, risvegliare le menti, rigenerare il mondo. Le donne sono chiamate a grandi sacrifici da sempre, devono sopportare grandi sofferenze e torture e i passi da compiere per la libertà e la giustizia sono ancora tanti. Anche gli uomini devono cambiare, capire che non si può aspettare di essere un padre, o immedesimarsi in questo ruolo, per difendere una donna. I rapporti di forza sono a svantaggio delle donne e occorre compensare questo differenza con la civiltà, l'altruismo e la bontà, perchè solo così le generazioni future potranno vivere in un mondo milgiore.

Noting su Facebook

Articoli più letti

Login